Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie con finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto acconsenti all’uso dei cookie.

Caricamento...

Un concreto aiuto all'ambiente grazie a pochi semplici gesti quotidiani

Fino a pochi anni fa non si sentiva parlare più di tanto degli effetti negativi che hanno sull’ambiente alcuni oggetti che usiamo nella nostra vita quotidiana.

Abbiamo parlato tempo fa in un articolo della Normativa dell’Unione Europea che vieterà la produzione di alcuni oggetti considerati particolarmente inquinanti, come per esempio le stoviglie di plastica, le cannucce, i cotton fioc.

Cosa possiamo fare noi nel frattempo per avere un minore impatto ambientale?

È vero che i cambiamenti dovrebbero partire soprattutto dall'alto, ma è vero anche che da qualche parte bisognerà pur iniziare a dare un contributo, anche se piccolo, personale, per cambiare la situazione attuale.
L’oceano è fatto di gocce in fondo.

Le persone più sensibili all’argomento spesso hanno difficoltà a reperire le giuste informazioni per iniziare il loro processo di cambiamento. Abbiamo quindi deciso di iniziare a raccogliere in questo articolo alcuni piccoli gesti che possiamo fare senza sforzi particolari, con l’idea di farne una vera e propria raccolta. Quindi, ancora una volta, spazio alle idee.

8 abitudini che fanno la differenza

  1. Limitare l’uso delle bottigliette d’acqua usa e getta: spazio all’inventiva. Come possiamo fare? Per esempio portando con noi una piccola borraccia da ricaricare, o usando più a lungo la stessa bottiglietta. Altre idee?
  2. Andare a fare la spesa con le borse di stoffa, anche se le dimentichiamo sempre a casa. Provare a ricordarcene, anche perché portarle è molto più comodo, meno faticoso e più pratico.
  3. Nel corso della nostra spesa quotidiana, o settimanale che sia, prediligere l’acquisto di prodotti sfusi e non chiusi negli imballaggi di plastica. Prima o poi lo capiranno che non ci servono a nulla?
  4. Sembra scontato, ma non sempre lo è: fare la raccolta differenziata.
  5. Evitare di usare i cotton fioc, tanto fanno male, lo dicono anche i medici. Le alternative per la propria pulizia personale sono moltissime.
  6. Spegnere le spie degli interruttori casalinghi. Sembra niente, e invece è moltissimo.
  7. Evitare assolutamente di usare stoviglie, posate e bicchieri di plastica. Le alternative in commercio ormai sono molte, e anche meno costose di un tempo.
  8. Cercare di comprare un po’ di vestiti in meno, farà bene anche al portafoglio.

Sembrano cose banali, e invece sono un punto di partenza fondamentale per ridurre di molto il nostro impatto, i consumi compulsivi. 
Via quindi alla fantasia, ragioniamo su altre azioni che possiamo fare – o non fare – per vivere nel modo più ecologico possibile senza fatica.

Anche in questo caso sono le idee quelle che contano. E la consapevolezza delle nostre azioni quotidiane, tralasciando gli automatismi.

Può essere una sfida divertente, molto più che una privazione.

Quindi pronti, partenza, via.
Buon ambiente a tutti.

 

Pubblicato il 19/09/2019 alle ore 16:51

Hai trovato utile questo contenuto?