Questo sito e/o gli strumenti di terze parti incluse in esso, utilizzano i cookie per le finalità illustrate nella cookie policy. Accettando i cookie con il pulsante qui sotto, acconsenti all’uso dei cookie.

Caricamento...

Wise Mind Place, grazie alla collaborazione di professionisti specializzati nel settore, consente di accedere a una qualificata assistenza e consulenza, a livello nazionale e internazionale, nelle fasi di negoziazione, redazione e conclusione di molteplici contratti commerciali.

Tali contratti possono avere come oggetto anche diritti di proprietà intellettuale e industriale, fondamentali per l’esercizio dell’impresa, tra cui (a titolo esemplificativo):

  • Contratti di collaborazione tra imprese (es. contratti di joint venture, contratti di ricerca e sviluppo, ecc.);
  • Contratti di fornitura, distribuzione, somministrazione, agenzia, franchising e di edizione;
  • Contratti di trasferimento e/o di licenza di marchi, brevetti e altri diritti di proprietà intellettuale e industriale.

Vediamoli nel dettaglio. 

Contratti di licenza

Per licenza si intende la concessione, da parte del titolare di un diritto di proprietà intellettuale o industriale (detto licenziante) ad un altro soggetto (detto licenziatario), della facoltà di utilizzare e/o comunque sfruttare economicamente (in forma esclusiva o non esclusiva) quel particolare diritto, secondo le condizioni e le modalità definite nel contratto, dietro pagamento di un corrispettivo.

Tale corrispettivo può essere versato in un’unica soluzione e/o versato periodicamente.

In quest’ultima ipotesi il corrispettivo viene normalmente calcolato sotto forma di una percentuale sul fatturato generato dall’utilizzo e/o sfruttamento del diritto oggetto di licenza (detta royalty).

Contratto di edizione

Il contratto di edizione è un contratto che ha come oggetto il trasferimento, da parte dell’autore di un’opera dell’ingegno, ad un terzo, di tutti o alcuni dei diritti di utilizzazione dell’opera (ad eccezione dei diritti morali, che rimangono sempre e comunque in capo all’autore o ai suoi eredi), per una durata (che comunque non può essere superiore a 20 anni) e secondo le modalità espressamente definite dalle parti nel contratto.

Contratto di somministrazione

Il contratto di somministrazione è il contratto con cui una parte (detta somministrante) si obbliga, dietro pagamento di un compenso determinato nella misura e secondo le modalità convenute fra le parti, a eseguire, a favore dell'altra (detta somministrato), prestazioni di durata periodica o continuativa di cose.

Contratto di distribuzione

Il contratto di distribuzione è l'accordo con il quale un soggetto (detto distributore) assume l’obbligo di acquistare prodotti o servizi forniti da un altro soggetto (detto produttore o fornitore) al fine di promuovere, dietro compenso, in un determinato territorio, la vendita degli stessi a terzi.

Contratto di agenzia

Il contratto di agenzia è l’accordo con cui una parte (detta agente) assume, con carattere di stabilità, utilizzando propri mezzi e assumendosi il relativo rischio, l'incarico di promuovere, dietro compenso (detto provvigione), la conclusione di contratti all’interno di un determinato territorio, per conto e nell’interesse dell’altra parte (detta preponente).

Contratto di franchising

Per franchising si intende il contratto con cui due parti (rispettivamente dette franchisor e franchisee) pongono in essere una collaborazione diretta alla commercializzazione verso terzi di beni e/o servizi.

A tal fine, il franchisor concede al franchisee la facoltà di sfruttare i propri diritti di proprietà intellettuale o industriale e il proprio know-how, e di vendere i beni e/o servizi prodotti dal franchisor a fronte del pagamento di una somma iniziale (detta fee d’ingresso) e di un compenso periodico, determinato secondo una percentuale sul fatturato generato dalla vendita dei beni e/o servizi (royalty).

Contratti di ricerca e sviluppo

È il contratto con cui due o più parti regolano i termini di una collaborazione avente ad oggetto attività di ricerca e/o di sviluppo di soluzioni innovative, secondo le modalità delineate all’interno del contratto.

Contratti di joint venture

Il contratto di joint venture è un contratto volto a regolare la cooperazione tra due o più imprese che intendono stabilire una collaborazione tra loro, ponendosi come obiettivo la realizzazione di un progetto comune di natura industriale o commerciale, mediante l’applicazione di risorse da parte di ciascuna singola impresa partecipante e condivisione delle perdite e degli utili.